FAQ - Domande più frequenti

FAQ

Il tuo lavoro in Smart

Diventando socio o socia Smart, otterrai un aiuto concreto nella gestione amministrativa, previdenziale e fiscale del tuo progetto creativo. Lavorerai con la stessa autonomia che hai ora ma noi ci occuperemo della fatturazione, dei contratti e del versamento di tasse e contributi. Saremo a tutti gli effetti il tuo datore di lavoro, garantendo il pagamento del tuo compenso il 10 del mese successivo. Inoltre, avrai accesso a tutti i vantaggi offerti dalla cooperativa.

L’8,5% sul fatturato al netto dell’IVA che deriva da ogni attività che vorrai gestire con Smart.

No, non ci sono altri costi fissi. Ci sarà solo una spesa una tantum di 50 euro per l’acquisto di una quota sociale della cooperativa. Non dovrai versare questa somma al momento dell’invio della domanda di ammissione ma sarà trattenuta dalla tua prima busta paga.

Sì. Molti tra i nostri soci e le nostre socie mettono a frutto le loro competenze in ambiti diversi.

Sì, non hai alcun obbligo di esclusiva nei confronti di Smart.

No. La nostra è un’impresa convintamente cooperativa e mutualistica: è aperta a tutti, indipendente dal livello di sviluppo dell’attività di ciascuno.

Sì. Per i soci vengono organizzati gratuitamente i corsi sulla sicurezza sul lavoro. Inoltre, Smart propone periodicamente ulteriori progetti di formazione, spesso suggeriti dagli stessi soci, che hanno lo scopo di aiutarli a sviluppare la propria attività. Per conoscere le ultime iniziative, iscriviti alla newsletter.

No, la diffusione e la promozione del tuo progetto sono aspetti di cui continuerai ad occuparti in autonomia.

Quando gestisci un tuo progetto attraverso Smart, sei assunto con un contratto di lavoro che è utile ai fini dell’ottenimento del sussidio di disoccupazione. Dovrai gestire autonomamente la richiesta di disoccupazione direttamente sul portale INPS. Per saperne di più, iscriviti ad un’infosession.

In quanto tuo datore di lavoro, versiamo le imposte relative ai progetti che gestisci con noi. In questo modo, se lavori solo con noi, non hai più bisogno di avvalerti di un commercialista per la gestione fiscale della tua attività professionale. Alla fine dell’anno ti rilasceremo la Certificazione Unica. Smart non si occupa invece della tua dichiarazione dei redditi che potrai presentare facilmente attraverso un CAF o un consulente fiscale.

No, quando gestisci i tuoi progetti con Smart ti assumiamo come socio dipendente della cooperativa. Non è quindi necessario che tu apra la partita IVA.

Sì, puoi decidere se farti assumere o usare la tua partita IVA. Non c’è incompatibilità tra la tua partita IVA ed il contratto di lavoro subordinato in Smart. Per saperne di più, iscriviti ad un’infosession.

La gestione del tuo progetto

Sarà Smart ad occuparsene. Quando gestisci un tuo progetto in Smart, ti assumiamo, inviamo il contratto al committente ed emettiamo fattura per riscuotere il compenso pattuito. Quello che dovrai fare sarà quindi comunicarci, di volta in volta, i dati del committente e del progetto. Per saperne di più sugli strumenti che i nostri soci utilizzano, iscriviti ad un’infosession.

Sarà Smart ad inviare il preventivo al committente. Dovrai inviare la bozza con tutte le specifiche al tuo consigliere di riferimento, ovvero la persona che in Smart ti aiuterà a gestire la tua attività.

Potrai lavorare con tutte le tipologie di committenti: persone giuridiche, persone fisiche e Pubblica Amministrazione.

Sì, la procedura rimane invariata e, anche grazie ai nostri colleghi presenti in altri sette paesi europei, potrai lavorare con l’estero senza sorprese.

In quanto tuoi datori di lavoro, ci occupiamo, per i progetti che gestirai attraverso Smart, della gestione di tutti gli adempimenti previdenziali previsti per legge.

Per effetto di quanto previsto dall’articolo 3-quinquies, comma 1, lett. a), del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 febbraio 2019, n. 12, il certificato di agibilità non è più obbligatorio per i lavoratori assunti con contratto subordinato.
Esistono comunque dei casi in cui il certificato rimane obbligatorio e viene regolarmente prodotto da Smart (rapporti di lavoro non subordinati, situazioni in cui il committente non è proprietario del luogo in cui si svolge l’evento).

Nel caso di uno spettacolo dal vivo, gli adempimenti relativi alla SIAE sono a carico dell’organizzatore (generalmente, la struttura ospitante).

Sì, siamo iscritti al MEPA e alla piattaforma Sintel.

Dopo la prima infosession, ti verrà fornito uno strumento grazie al quale avrai sempre la possibilità di gestire in autonomia il tuo budget. Potrai strutturare il tuo compenso avendo sempre chiara la differenza tra tasse, contributi, netto (simulato) oltre ad eventuali rimborsi spesa. Per saperne di più, iscriviti ad un’infosession.

In base alla disponibilità di budget, puoi chiedere il rimborso di tutte le spese professionali direttamente e chiaramente riferibili ai progetti che gestiti con Smart.

Assolutamente sì. Con il modello di nota spese che ti forniremo, alla quale dovrai allegare i giustificativi (scontrini, ricevute e/o fatture).

Quando effettui una spesa legata alla tua attività, puoi intestare la fattura a Smart (indicando la nostra partita IVA): noi scarichiamo l’IVA quindi scaliamo dal tuo budget solo l’ammontare netto della fattura.

Sì. Durante la prima infosession i consiglieri ti spiegheranno i criteri e le modalità di partecipazione ai bandi.

Vuoi entrare in Smart? maggiori informazioni?

Qualche domanda? Contattaci!

Ti invitiamo a leggere la Privacy policy.